Come pulire lo schermo del pc senza rovinarlo

Come pulire lo schermo del PC

Sì, è arrivato anche quel momento. Prendersi cura e provvedere alla pulizia del proprio laptop, PC fisso o dello smartphone viene quasi naturale, lo facciamo in modo quasi automatico, ma ci si accorge sempre un po’ in ritardo di quanta polvere, ditate, ed anche germi e batteri si siano accumulati sul nostro schermo.

Spesso siamo distratti dal fatto che appena ci mettiamo davanti al display accendiamo subito il pc o dispositivo di turno, e ci concentriamo sui contenuti che giornalmente vogliamo visitare o dobbiamo lavorare. Con lo schermo acceso è difficile poi notare tutta la sporcizia accumulata, ma prima o poi ce ne accorgiamo o qualcuno ce lo fa presente.

Quindi arriviamo alla domanda fatidica, come pulire lo schermo del pc senza rovinarlo?

Ci sono alcune accortezze da adottare, e differenze tra pannello e pannello da dover tenere in considerazione prima di procedere alla pulizia. Vi sono prodotti e panni adatti alla pulizia di varie tipologie di schermi, ma prima di acquistarne qualcuno è bene consultare il manuale del proprio monitor per controllare che quello specifico pannello non abbia procedure particolari.

Operazioni preliminari e avvertenze

Prima di iniziare la pulizia

Prima di spiegarti come pulire lo schermo del pc o uno schermo in generale, occorre fare delle operazioni tanto semplici quanto sottovalutare, ma che aiutano ad eliminare eventuali rischi per la propria sicurezza e per la sicurezza dei componenti. Scollegare il monitor dal pc e/o dell’alimentazione. Prima di iniziare a pulire, fai raffreddare lo schermo, che sicuramente sarà caldo dovuto all’uso, principalmente per via dei led retroilluminanti.

A questo punto, con molta delicatezza, togliere la polvere con un panno in microfibra. Devi sapere che tra la polvere potrebbero esserci dei pulviscoli o residui solidi che potrebbero graffiare lo schermo, se li si spinge con forza contro il pannello.

Per eventuali residui resistenti sullo schermo, applica un po’ di detergente che non sia abrasivo sul panno in microfibra e mai direttamente sullo schermo. Questi detergenti sono appositi per schermi e non contengono ammoniaca o alcool, quindi non applicare detergenti generici come pulisci vetri, detersivo per piatti. 

Prima di usare il detergente sull’intera superficie dello schermo, provalo su una piccola porzione del pannello, quindi applica il detergente sul panno in microfibra e procedi alla pulizia di un piccola porzione dell’angolo dello schermo. Una volta accertato che sia il detergente corretto, applica su tutto lo schermo.

A questo punto puoi attendere che lo schermo si asciughi, oppure puoi passare un panno asciutto in microfibra. Mi raccomando, scegli un panno che non lasci “pelucchi” sullo schermo.

Pulire il monitor del PC Fisso

Pulire lo schermo del PC Fisso

Al computer puoi collegare ogni tipo di monitor o schermo tv, devi fare attenzione però alla tipologia. Per sapere come pulire lo schermo del pc senza rovinarlo è necessario prima di tutto capire se lo schermo è lucido, oppure opaco.

A queste due tipi di pannello corrispondono trattamenti diversi, quindi un detergente aggressivo adatto ad uno schermo lucido può non essere adatto alla pulizia di un monitor opaco, in quanto quest’ultima tipologia 

Monitor opaco

La tipologia di schermo con finitura opaca riduce il riflesso dato dalla luce, specialmente se si lavora vicino a delle fonti di luce o finestre dove è facile penetri la luce del sole, e si distingue per avere uno strato polarizzante che può essere interno, quindi frutto di lavorazioni “meccaniche” direttamente integrate nel pannello, oppure è possibile trovare questo strato “protettivo” esternamente tramite l’aggiunta di sostanze chimiche particolari.

Queste sostanze chimiche o rivestimenti, vengono aggiunti tramite diverse immersioni del pannello, oppure semplicemente spruzzate sopra con procedimenti specifici.

Il risultato finale è la riflessione della luce lontana dallo spettatore. Si ottiene quindi una diffusione del riflesso in modo che non abbagli o impedisca la visione del contenuto.

Onde evitare, in assenza di informazioni precise su come sia stato trattato il proprio pannello opaco, di rovinare lo schermo, affidati in questo caso a soluzioni specifiche per schermi opachi o spesso indicati come anti-glare matte finish.

Schermo lucido

Come pulire lo schermo del pc senza rovinarlo se lucido? Solitamente questo tipo di schermi sembrano del normale vetro comune, che ci può far pensare di poter pulire un po’ con tutto. Gli schermi lucidi possono avere un trattamento anti riflesso chiamato anti-glare glossy finish, e quindi anche qui consiglio lo stesso procedimento valido per i monitor opachi.

Rimuovere la polvere sottile e anche i corpi solidi con un panno in microfibra, strofinando con molta delicatezza, poi spruzzare sul panno un detergente specifico per rimuovere quei residui ostinati che si sono trattenuti dopo la prima rimozione. Strofinare delicatamente, anche se il panno è umido questo non vuol dire che tu possa strofinare vigorosamente.

Se alla prima passata rimane ancora qualcosa, effettua una seconda o terza passata, in modo che la sporcizia si inumidisca abbastanza da venire via quasi da sola.

Quale detergente usare

Come pulire lo schermo con un detergente senza rovinarlo, se la normale pulizia della polvere non è sufficiente? Esistono tanti tipi di detergenti, liquidi e spray, ed anche gel. Non importa la consistenza, l’importante è che siano specifici per la pulizia dei monitor, e che non contengano sostanze aggressive.

Esistono poi dei rimedi casalinghi se si vuole un maggiore controllo su cosa si stia usando. Ti ricordo che la composizione dei vari detergenti in commercio è indicata abbastanza genericamente. Il rimedio di facile reperibilità e con maggior risparmio è un composto liquido che puoi creare con alcool isopropilico e acqua distillata.

L’acqua pura, ultrapura o distillata non contiene o contiene in minima parte minerali. Non vogliamo certo utilizzare comune acqua di rubinetto o in bottiglia che solitamente contiene minerali e calcare, questo andrebbe a rovinare il tuo schermo. Quindi in base al tipo di aggressività del composto che vuoi creare, puoi partire da una base di 30% di alcool isopropilico (fino al 50% al massimo) ed il restante 70% di acqua distillata.

L’alcool isopropilico solitamente viene utilizzato anche sulla circuiteria elettrica, evapora molto velocemente e non lascia residui.

Come pulire lo schermo del pc portatile

Pulire schermo pc portatile

Per la pulizia dello schermo del pc portatile, vale quanto detto sopra, ma le accortezze necessarie in questi casi ti suggerisco essere quelle di staccare almeno cavo di alimentazione della batteria e, dove possibile, rimuovere la batteria per una maggiore sicurezza.

La pulizia dello schermo del pc portatile non è maggiormente difficile rispetto a quella di un pc fisso, sempre in questi casi specifici la tastiera del nostro laptop è molto vicina allo schermo.

Proprio per proteggere sia la tastiera ed evitare che la sporcizia cada sulla tastiera e possa penetrare nei componenti al di sotto di questa, coprirla con un panno.

In conclusione

Per concludere come pulire lo schermo del pc senza rovinarlo, che sia del computer fisso o del portatile, è molto semplice, basta solo rispettare pochi passaggi per non rischiare di rovinare lo schermo e i componenti. Vedrai che una volta messo in pratica ti risulterà così facile che farlo anche due o tre volte al mese non sarà un problema, con i metodi che ti ho mostrato.

Mi raccomando, inumidire il panno con il detergente non vuole dire bagnarlo completamente, bastano veramente due o tre spruzzi di detergente spray specifico per schermo, oppure qualche goccia per il detergente in gel. In questo modo eviterai che del liquido possa penetrare nella cornice e nei componenti dello schermo, oppure del portatile se stai pulendo il monitor del tuo laptop.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.