Home » Computer » Hardware » Formattare chiavetta USB

Come formattare una Chiavetta USB dal computer

Come formattare una chiavetta USB

Vuoi passare dei a dei tuoi colleghi o compagni di scuola con la tua penna USB, ma vuoi assicurarti che su di essa non ci sia niente altro dei tuoi file personali. O magari riempirla con le tue canzoni preferite e usarla per l’autoradio quando sei in viaggio, ma non la legge. Allora, ti consiglio è di formattare la chiavetta USB e in questo articolo ti spiego come fare.

Sei alle prime armi con il computer e non credi di farcela? Niente paura: si tratta di una procedura molto semplice e veloce che non richiede particolari conoscenze di informatica, ma solo un po’ di pazienza e voglia di leggere. Qui sotto, infatti, troverai diversi modi su come formattare una chiavetta USB e anche una guida agli eventuali errori che potrebbero apparire.

4 modi per formattare la chiavetta di memoria USB

Formattare una chiavetta USB non è affatto difficile e, oggi, ci sono tantissimi strumenti e modi semplici per farlo. Di seguito ti mostro i 5 più comunemente usati e tu puoi scegliere quello che ti sembra più semplice. Se non funziona, hai dei dubbi o suggerimenti, usane un altro o faccelo sapere nei commenti.

Fatta questa premessa, vediamo le varie procedure.

Come si formatta la chiavetta USB su Windows 10

Formattare Chiavetta USB Windows

Su Windows 10, e anche nelle versioni precedenti, ci sono diversi modi per eseguire questa operazione. Si possono usare software esterni, ma c’è anche una funzione integrata nel sistema operativo che va più che bene, se non si hanno delle esigenze particolari.

Per formattare la chiavetta USB da Windows:

  1. Collega la chiavetta usb ed aspetta che venga rilevata
  2. Vai in risorse del computer e trova il dispositivo da formattare
  3. Clicca con il tasto destro sul nome della chiavetta USB
  4. Dal menù a tendina scegli Formatta e vedrai che si aprirà una nuova finestra
  5. Qui nel tipo di formattazione seleziona FAT32 e il nome che vuoi dare al disco
  6. Clicca su Avvia e attendi che venga completato il procedimento.

Come vedi, non è nulla di complicato e in pochi minuti avrai una chiavetta azzerata, come nuova.

Come fare se hai Ubuntu?

Su Ubuntu e altre versioni Linux non c’è molta differenza e la funzionalità è già presente sull’OS, quindi non c’è bisogno di cercare programmi, sempre salvo particolari esigenze. Vediamo come si fa.

Per formattare la chiavetti devi usare il gestore file dalla distro e cliccare sul nome della chiavetta USB. A questo punto, dal menu contestuale, seleziona la voce Formatta per aprire la schermata della funzionalità di formattazione di Ubuntu.

Ora, il primo passo è di digitare il nome che vuoi dare alla chiavetta, selezionare il file system e puoi anche selezionare se cancellare i dati presenti – la funzione si attiva spostando su ON l’interruttore sotto la voce Cancella. A questo punto basta cliccare su Successivo, quindi Formatta e confermare l’operazione.

Inizializzare la chiavetta su Mac con Utility Disco

Formattazione con Utility Disco Mac

Se però vuoi la soluzione più semplice devi usare l’applicazione chiamata Utility Disco che trovi in ogni Mac. Grazie a questa app ti basta collegare la chiavetta, selezionarla dall’elenco delle periferiche e cliccare sul tasto Inizializza. A questo punto ti basta selezionare il formato che ti serve – per la maggior parte degli utilizzi è meglio MS-DOS(FAT) e confermare cliccando inizializza.

L’inizializzazione si avvierà e durerà qualche minuto, in base alla capacità e velocità della tua memory stick.

EaseUS – Il miglior programma per formattare una chiavetta USB

Le funzioni integrate in Windows e in MacOS non sempre possono essere sufficienti per ottenere il risultato voluto, specie se si presentano degli errori. In certi casi conviene usare un software che potrebbe aiutarti a formattare anche una chiavetta usb danneggiata o protetta da scrittura.

Se oltre che formattare, vuoi anche gestire le partizioni dei dischi per poterle clonare o copiare, oppure creare dischi di avvio, puoi usare EaseUS Partition Master. Si tratta di un ottimo programma, purtroppo disponibile solo per Windows che, nonostante sia gratuito, è molto potente e versatile.

Quale formato usare?

Sei pronto a formattare ma hai ancora qualche dubbio su quale formato usare? Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza. Prima di procedere alla formattazione, infatti, ti verrà sempre chiesto di scegliere una tipologia di file system. Le chiavette USB usano i formati FAT32, exFAT, NTFS, HFS+ ed EXT. Il motivo di una così ampia scelta e che alcuni sistemi operativi usano e funzionano meglio con diversi formati.

Possibili errori nella formattazione

Purtroppo non sempre va tutto liscio e non si riesce a formattare la chiavetta con nessuno dei metodi appena visti. Se ci sono dei danni fisici, allora, senza ripararla non si riuscirà a procedere in alcun modo, ma se ci sono problemi con la procedura, i 3 tipici errori che potresti incontrare sono i seguenti:

  • Messaggio – Impossibile formattare chiavetta USB – abbiamo già visto che usando un programma il problema si potrebbe risolvere.
  • La chiavetta è protetta da scrittura, in questi casi la procedura è più complicata e bisogna rimuovere la protezione.
  • la formattazione si interrompe – in questi casi, ti basta rifare gli step e riformattare una seconda volta

Formattare una chiavetta USB danneggiata

Se hai trovato una vecchia chiavetta che ormai non funziona, non è detto che il danno sia irreparabile. Quando si tratta di un danno fisico, ti consiglio ovviamente di rivolgerti ad un’azienda specializzata. Se però il problema è software e non hardware, puoi comunque fare un tentativo di risolvere la cosa da solo.

Ma cosa fare quando compare il messaggio “impossibile formattare chiavetta USB”? In questi casi, raramenti si tratta di un danneggiamento fisico, soprattutto se la chiavetta viene rilevata. La prima cosa da provare è quella cercare di formattarla in altri formati: provali tutti e vedi se l’errore scompare.

Se anche così non funziona potrebbe essere protetta da scrittura. In questo caso, se sei fortunato potrebbe esserci un interruttore fisico da premere sulla chiavetta stessa e rimuovere la protezione. Se così non fosse, però, l’unica soluzione è quella di utilizzare un software professionale, che purtroppo sono a pagamento o riuscire a togliere la protezione.

Conclusioni

Azzerare completamente una chiavetta può essere molto utile non solo quando si vuole passare qualcosa a degli amici o colleghi ed essere certi di non aver dimenticato dei file personali nella pen drive, ma anche quando ci sono file di lavoro, si regala il pennino o serve un formato diverso da usare su un altro dispositivo. L’esempio principale è con l’autoradio della macchina che potrebbe non riconoscere una chiavetta formattata NTFS o qualche altro file system strano.

Come vedi, non c’è nulla di complicato, ma se c’è qualcosa di poco chiaro, faccelo sapere nei commenti e ti aiuteremo a risolvere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
Share via
Copy link