Recensione Wooting 60HE: la migliore tastiera da gaming?

Recensione Wooting 60He

Di tastiere meccaniche e non, da gaming e non da gaming, ormai il mercato è saturo. Principalmente i vari brand ti vendono tastiere molto simili tra loro, dove la differenza principalmente viene data dal tipo di switch, dal design del case e dai tasti speciali come quelli multimediali e dal knob. Perché Wooting 60He può essere la tastiera da gaming definitiva?

I brand più famosi a corredo delle proprie tastiere, aggiungono un software che principalmente si occupa di solo gestire gli RGB, e non sempre ti danno qualche funzione extra. Ti ritrovi a pagare molto per avere alla fine una tastiera meccanica come qualsiasi altra.

Wooting ti dà una tastiera diversa da qualsiasi altra, creata pensando alle prestazioni in game, con un software completo e ricco di funzioni che vengono sfruttate perché sono effettivamente utili. Seguimi che ti spiego cosa ti stai perdendo, se non l’hai già ordinata.

Cosa si intende con “tastiera da gaming”?

Non è un concetto chiaro, perché nel corso degli anni ha subito molte variazioni. Eravamo abituati a giocare su tastiere a membrana – economiche e di facile reperibilità -, che si sono nel tempo evolute integrando funzioni speciali come ad esempio la creazione di “macro”.

Una macro altro non è che la registrazione di una serie azioni di gioco, effettuate tramite la pressione di diversi tasti della tastiera, e/o sul mouse, che vengono memorizzate e riprodotte con un solo click tramite la pressione di un singolo tasto speciale solitamente nominato come “M” (M1, M2, M3, etc.).

Poi abbiamo avuto tastiere illuminate (non RGB), e ancora tastiere con piccoli display LCD (la Epomaker RT100) dove venivano mostrati fps, temperature e utilizzo dei componenti del pc, e dopo molti anni hanno preso piede le tastiere meccaniche – già presenti sul mercato ma non molto utilizzate dal popolo dei giocatori.

Dalle tastiere meccaniche il passo successivo è stato quello di passare alle “tastiere meccaniche da gaming”. Cosa cambia tra le due? Le tastiere meccaniche inizialmente non avevano software di configurazione, e quindi erano completamente assenti da funzioni speciali, oppure erano molto limitate nelle funzioni.

I produttori, data la forte richiesta di tastiere meccaniche speciali o da gaming, si sono adoperati per far evolvere anche queste nel settore specifico dei video giocatori. Ad oggi quasi tutte le tastiere meccaniche sono da “da gaming”, e molte hanno adottato un software proprietario che ti permette di impostare il colore e altri parametri degli RGB, di abilitare funzioni speciali come macro, e molto altro ancora.

Wooting: la tastiera per il gaming competitivo

tastiera gaming wooting

Wooting è stata la prima azienda ad imporsi sul mercato con la funzione Rapid Trigger come cavallo di battaglia, utilizzando uno switch magnetico che anche altri brand usano, Lekker lineare (L60), anziché il meccanico tradizionale.

Questo tipo di switch non richiede l’interruzione di un fascio costante di luce/laser tra due lenti, come negli switch ottici, né il contatto tra parti metalliche all’interno di uno switch meccanico, per la registrazione del click e conseguente attivazione dell’azione del giocatore. Il Lekker magnetico si basa sul Hall Effect.

Mentre nei tradizionali switch sono necessari continui attriti tra le parti metalliche e mobili, che portano con il tempo ad usura e problemi di funzionamento, negli switch magnetici vi è una sola dominante: il campo magnetico.

Nemmeno gli switch ottici possono essere precisi quanto il campo magnetico, nel registrare la posizione effettiva del tasto, una volta premuto, dato che la luce viene interrotta dal passaggio di una molla irregolare, e la spirale determina l’interruzione fascio in modo troppo variabile.

Come funziona un switch magnetico

Switch magnetici wooting 60he

Gli switch magnetici si basano sull’effetto Hall (Hall Effect), cioè su un dispositivo che rileva la presenza di un campo magnetico e che ne misura l’intensità. Questo campo magnetico è libero da ostacoli, e non ha elementi meccanici né elementi ottici che riducono la precisione di calcolo della distanza del magnete all’interno dello switch, per l’attivazione del click.

Gli elementi ottici e meccanici, sappiamo bene che creano spesso ritardi o interruzioni di funzionamento interrompendo o rompendo completamente l’azione di gioco. Quando digiti su una tastiera con switch magnetici, lo stem (la parte dello switch che si abbassa e tocca il fondo della tastiea, e che contiene il magnete) si abbassa avvicinando il magnete verso il sensore situato sulla tastiera, nella parte bassa. Il campo magnetico generato viene rilevato con precisione in ogni suo punto, e ne viene calcolata la distanza esatta, in ogni momento.

Questo avviene per tutta la durata del tragitto dello switch, e per questo è possibile determinare esattamente a quale distanza si trovi. Quando si raggiunge la distanza predeterminata, viene registrata la pressione del tasto e l’effettivo click, ma non solo, perché è registrata anche la distanza di disattivazione con estrema precisione. 

In questo modo è possibile riattivare lo switch in una frazione di millimetro. Sono molti i brand che utilizzano questa tecnologia, ma solo Wooting ha un’accuratezza nella registrazione della distanza senza pari.

Actuation Point

actuation point

Actuation Point o punto di attuazione/attivazione è la distanza minima percorsa dallo switch affinché la tastiera riconosca il click ed il conseguente comando azione. Sulla Wooting questo punto di attuazione può essere ridotto fino a 0.1 mm.

In questo modo non sarà necessario premere il tasto fino in fondo per far riconoscere il comando. Avrai quindi una risposta immediata rappresentata nel gioco. Pensiamo a Valorant o Counter Strike 2, dove si fragga e si viene fraggati letteralmente con un colpo, dove quindi si richiedono micro movimenti precisi, e per “precisi” intendo il massimo della precisione possibile.

Un movimento sbagliato può farti “sbirciare” da un angolo in ritardo o con poca precisione. I tasti WASD devono quindi essere configurati con un actuation point tra 0.1 e 0.4 mm in modo da avere una risposta veloce al contatto con il tasto. Mentre per evitare azioni accidentali come la ricarica o il lancio di una granata, è bene impostare un actuation point con una maggiore distanza per i tasti delle azioni secondarie.

In questo modo per effettuare un determinato tipo di azione secondaria, che non richiede la massima precisione e tempi di attivazione e reset rapidi, sarà necessario premere il tasto più a fondo. Questo previene azioni indesiderate durante momenti determinanti del game. A questo punto dobbiamo però parlare del punto di reset dello switch.

Rapid Trigger

Rapid trigger Wooting

Normalmente quando un tasto viene schiacciato, è registrato dalla tastiera e rimane attivo, per permetterti due tipologie di azione diverse l’una dall’altra: ad esempio premo e rilascio velocemente il tasto A per spostarmi a sinistra di qualche millimetro, oppure tengo premuto A per avere uno spostamento laterale continuo che continuerà fino a quando non rilascerò completamente il tasto fino al suo punto più alto.

In entrambi i casi la disattivazione o il reset del tasto, e la conseguente interruzione dell’azione di gioco, avvengono solo quando il tasto torna completamente alla posizione di partenza o di origine, cioè in cima dove c’è il blocco meccanico dello switch.

Con il Rapid Trigger la disattivazione o reset del tasto avviene senza il bisogno di riportarlo alla posizione di origine. Questa funzione per lavorare bene ha il compito di monitorare e regolare costantemente e dinamicamente il punto di attuazione.

Lavora sinergicamente con il punto di attuazione, attivano e resettano lo switch in una frazione di millimetro, così che puoi ripetere entrambi i tipi di azione più volte e più velocemente rispetto ad uno switch meccanico o anche rispetto ad uno switch magnetico senza le funzioni di regolazione del punto di attivazione e deli Rapid Trigger.

All’atto pratico se schiacci il tasto fino in fondo in modo che il keycap tocchi fisicamente  la tastiera, e con il Rapid Trigger attivato (con una sensibilità di 0.3 mm, ad esempio), ti basterà che il tasto percorra quella distanza per essere resettato, dandoti la possibilità di riattivarlo senza doverlo riportare in cima.

Ma andiamo ai fatti: impostando ad esempio 0.4 mm per il punto di attuazione e 0.3 mm come sensibilità del Rapid Trigger, ti basterà leggermente appoggiare il dito sul tasto per attivarlo, e per disattivarlo non dovrai altro che sollevare impercettibilmente il polpastrello.

Anche se lo switch ha percorso una breve distanza e non è arrivato fino in fondo, verrà attivato grazie al punto di attivazione di 0.4 mm e disattivato non appena rilasciato di 0.3 mm senza necessariamente dover tornare al punto di riposo toccando il punto più alto.

Questa è la funzione principale del Rapid Trigger, e questo ti da modo di ripetere quell’azione in continuazione senza pause e senza tempi morti. Con uno switch meccanico sei costretto a schiacciare fino in fondo il tasto e lasciarlo tornare su completamente. Questo genera dei tempi morti, dei millisecondi cruciali durante una partita ad un fps competitivo.

Se disabiliti il Rapid Trigger e imposti il punto di attuazione a 0.4 mm, l’azione verrà registrata appena il tasto percorrerà quella distanza, ma lo switch non verrà disattivato fino a che non tornerà al suo punto di riposo.

Wooting ti permette di impostare il punto di attivazione fino a 0.1 mm ed il Rapid Trigger con una sensibilità di 0.15 mm. I tempi di latenza per il reset dello switch con la funzione attivata, cioè dal rilasciare il tasto compiuta l’azione sullo schermo, Wooting registra tempi da record nell’ordine di 11-12 ms, i più bassi per una tastiera con switch magnetici con questa funzione.

Rapid Trigger si trova nella scheda “Prestazioni” dall’app software Wootility, dove troviamo anche la modalità Tachyon, che riduce ulteriormente la latenza disabilitando gli effetti RGB. Wootility non è solo un software da installare, perché se sei restio ad installare programmi sul tuo computer, puoi utilizzare la modalità web.

Non dovrai far altro che collegarti alla pagina Wootility, cliccare su “trova dispositivo” e connettere la tua Wooting. Puoi adesso configurare e salvare i profili da te creati, come se stessi utilizzando un software sul tuo pc.

Il software e le funzioni avanzate

Wootility impostazioni tastiera

Se ti stai chiedendo se questa tastiera valga il prezzo a cui è proposta, e l’attesa per averla dato che parliamo anche di settimane prima che venga spedita una volta effettuato l’ordine, ti rispondo subito con un sì, e ti spiego il perchè.

Il software è intuitivo, non sarà accattivante come quello di noti brand sul mercato, ma ti permette di navigare e gestire tutte le funzioni della tastiera in modo veloce, senza intoppi. Tutte le impostazioni della tastiera funzionano come promesso, non ce n’è una che dia problemi o non funzioni come ti aspetteresti.

Non ci sono bug o crash del software, ed ogni caratteristica specifica della Wooting viene descritta perfettamente. Ti viene spiegato cosa stai andando a modificare e, se qualcosa non ti fosse chiaro, lo staff di Wooting ha fatto un video (che puoi recuperare cercando su youtube) per ogni funzione.

La latenza della tastiera Wooting è la più bassa registrata per una tastiera con switch magnetici, grazie anche al software, e l’affidabilità e la completezza di questo colmano il gap di prezzo che possono avere tastiere con simili switch e funzioni.

Sì, ti confermo che sul mercato stanno spopolando proprio adesso tastiere con switch magnetici e Rapid Trigger, ma nessuno ancora è riuscito a raggiungere la perfezione e la precisione di Wooting.

Impostazioni

Settaggio profilo racing Wooting 60He

Appena colleghi la tastiera al software, oppure tramite interfaccia web, ti vengono subito presentati eventuali aggiornamenti da fare, che deciderai tu se fare o meno. Nel menu impostazioni puoi decidere se utilizzare il tema chiaro o scuro, e scegliere la lingua dell’interfaccia.

La tastiera è compatibile con il Razer Chroma Connect. Questa opzione la trovi sempre nel menu “Impostazioni”. Attivandola non avrai problemi di sincronizzazione degli RGB con software e dispositivi razer, perchè Wooting si sincronizza con essi.

Presente anche una “modalità controller”, compatibile con controller generici e controller xbox, che simula l’input analogico nei giochi utilizzando i tasti della tastiera, ma configurati in modo che si comportino e vengano riconosciuti come i bottoni e gli stick di un controller.

Grazie a questa modalità avrai una migliore compatibilità con i giochi, e un movimento più naturale nei giochi di guida o in terza persona.

RGB

RGB Wooting 60He

Nella scheda “Impostazioni dei Colori” puoi scegliere manualmente un colore base e tutte le sue sfumature per l’RGB, creando così il tuo tema personalizzato. Hai inoltre 11 possibili “Preset” o effetti per la colorazione RGB, come l’onda, l’arcobaleno, inferno e molte altre ancora. Scegli poi la luminosità degli RGB tramite il comodo slider.

Prestazioni

La scheda “Prestazioni” fa riferimento alla performance in game. Quando giochi è importante avere il massimo dalle proprie periferiche. In questo menu puoi impostare il punto di attivazione per tutti i tasti, con un solo click, oppure singolarmente se vuoi personalizzare ogni singola key.

Tramite il comodo slider scegli tu il punto di attivazione e la sensibilità del reset o disattivazione dello switch. Al centro troviamo il Rapid Trigger, che si attiva con un click e la sensibilità di reset viene impostata sempre tramite il proprio slider.

Anche questa importante funzione può essere attivata per tutti i tasti, oppure configurata individualmente per ogni singolo tasto.

Sulla destra hai la modalità Tachyon che ottimizza la velocità dell’input, disabilitando effetti che possono aumentare il tempo di risposta della tua Wooting.

Mapping

Remapping Wooting tastiera gaming

Passiamo alla scheda successiva “Rimappare” dove puoi modificare il layout primario della tastiera, modificare il layout secondario (che si attiva tenendo premuto il tasto “FN”) e assegnare le funzioni secondarie ai tasti che preferisci. Puoi anche disabilitare il maledettissimo tasto “Windows” che viene spesso accidentalmente premuto in fasi critiche e concitate durante il gioco.

Tieni premuto il tasto sinistro del mouse sull’immagine del tasto “Windows”, e lo trascini al di fuori del layout della tastiera. Premi adesso sul bottone “Salva sulla Tastiera” che trovi in alto a destra e hai fatto.

Puoi rimappare e sostituire qualsiasi tasto con un altro a tuo piacimento.

Tasti analogici

In questa scheda puoi trascinare i tasti virtuali del controller Xbox presenti nella pagina, su un qualsiasi tasto della tastiera. Se vuoi che il movimento analogico del pad avanti-indietro sinistra-destra venga simulato sulla tastiera, non devi far altro che trascinare le 4 singole direzioni dello stick analogico Xbox, su ogni tasto della tastiera che normalmente utilizzeresti per effettuare gli stessi movimenti: come W (come L “su”), A (come L “sinistra”, S (come L “giù”) , D (come L “destra).

Altra caratteristica interessante, una volta configurati i tasti del pad sulla tastiera, è il fatto di poter lasciare attive le normali funzioni o dei i tasti della tastiera, in modo che intervengano solo quando devi scrivere, oppure di disabilitarli completamente sovrascrivendo la mappatura del Gamepad. Questa seconda opzione ti evita che le due differenti funzioni del tasto interferiscano l’una con l’altra durante la tua partita.

Nella scheda successiva “Impostazioni Analogiche” scegli la curva analogica della risposta al tasto quando premuto, per simulare al meglio il movimento dello stick del gamepad.

Mod Tap

Con questa funzione speciale avanzata puoi impostare il comportamento di ciascun tasto, in modo da compiere due azioni differenti: schiacciando e rilasciando il tasto questo compirà un’azione; se invece schiacci a trattieni premuto il tasto, questo compirà un’azione ben diversa.

  • Vai nel menu “Tasti Avanzati”, e seleziona ad esempio il tasto “R SHIFT” di destra così che ti si aprirà un menu:
  • seleziona “Mod Tap” e da sotto apparirà un menu
  • sulla sinistra del menu vedi raffigurati due tasti
  • un tasto avrà scritto sopra “Mantieni”, e l’altro “Clicca”
  • sulla destra apri il menu “Caratteri Estesi”, cerca la freccia che punta in alto e trascinala sul riquadro “Clicca”

Normalmente il tasto “R SHIFT” ha una sola funzione che si utilizza mantenendolo premuto. Per R Shift non esiste una funzione secondaria se cliccato e rilasciato. Possiamo fare lo stesso discorso anche per i tasti sottostanti – sempre sulla parte destra della tastiera – come il tasto “Menu” (presente solo sulla Wooting), “CTRL” e “FN”.

Per ognuno di questi tasti, attivando la Mod Tap, possono essere configurate le frecce direzionali che mancano alla Wooting. Ti basterà aprire il sottomenu “Caratteri Estesi”, e trascinare la freccia con la corretta direzione sulla raffigurazione del tasto “Clicca”, sul tasto che desideri abbia questa funzione. Queste sono le mie impostazioni:

  • Tasto “R Shift” impostato come “freccia su”
  • Tasto “Menu” impostato come “freccia sinistra”
  • Tasto “Ctrl” impostato come “freccia giù”
  • Tasto “FN” impostato come “freccia destra”

Tastiera gaming Wooting 60He: specifiche, formato e dimensione

Formato tastiera Wooting 60He

Wooting 60HE è una tastiera 60%, senza tasti “F”, senza frecce direzionali e tasti funzione extra, e senza numpad. L’essenziale per un giocatore. Veramente piccola, dalle dimensioni di 302 mm x 116 mm x 38 mm, per un peso 605 grammi, ed un polling rate di 1000Hz.

Facile da trasportare e di poco ingombro sulla scrivania, è veramente piccola. Già con la Yunzii x75 Pro avevo molto più posto sulla scrivania, ma questa è ancora più compatta!

Il case è interamente in PBT, così come i keycap, e non ha i piedini per la regolazione dell’altezza. L’assenza dei piedini di regolazione non è importante, perché 60HE ha già una sufficiente inclinazione.

Cosa troviamo nella scatola

Esce dalla scatola fornita della copertura in plastica, per proteggerla dalla polvere, due switch Lekker sostitutivi, il pratico tool per rimuovere solo i keycap, ed un bellissimo cavo brandizzato e rivestito in paracord.

Switch magnetici Lekker (L60)

switch magnetici lekker wooting

Ti starai chiedendo perché non è presente uno switch puller. La spiegazione è semplice, ogni switch magnetico viene tarato nella sua posizione. Andando a rimuoverlo vai a sostituirlo con un altro non calibrato. Ti sconsiglio vivamente di sostituirli.

Questa non è una esagerazione, ma è l’unico modo per garantirti che ogni switch sia preciso al 100% come previsto dal produttore. Gli switch Lekker L60 sono magnetici e compatibili con tastiere ad effetto Hall.

Lo switch Lekker L60 rientra in quella categoria di switch a “pressione media”, una via di mezzo tra switch ben più pesanti – che solitamente possono affaticare la battitura -, e quelli leggeri che spesso inducono ad errori di battitura. Le specifiche sono: inizio: 40cN (grammo-forza); fine: 60cN (grammo-forza); con attuazione lineare oltre i 4 mm.

Più pesanti rispetto ad uno speed silver da 45g lubrificato, ma all’atto pratico confrontandoli direttamente sono più veloci e precisi. Il peso si sente, ma viene mitigato dalla velocità e precisione.

I keycap sono di altissima qualità e li paragonerei ad esempio ai Ducky. Sono solidi, non ballano e aumentano quindi la precisione di battitura e le prestazioni in game. Ogni dettaglio e minimo particolare sono stati realizzati pensando al gamer. Wooting ha eliminato qualsiasi forma di distrazione.

Esperienza di gioco

Giocare su tastiera Wooting 60HE

Come ti ho anticipato sopra, la tastiera Wooting 60HE è progettata e costruita in modo che non ti sia di impedimento. Questa per me è la migliore tastiera gaming sul mercato al momento. La posizioni come vuoi, date le sue piccole dimensioni, è stabile sia su legno che su un tappetino, ed è solida.

La struttura e la reazione dei tasti rimane sempre la stessa nel tempo, le prestazioni non cambiano e anzi, grazie al software e ai continui aggiornamenti, queste non possono solo che migliorare.

Per ogni tasto azione personalizzi il punto di attuazione, e quello di reset grazie al Rapid Trigger, in modo da massimizzare le tue azioni in game in base alle tue preferenze. I tricks su Apex e su Warzone diventeranno immediatamente facili da eseguire, rendendoti un giocatore più preciso.

Le mie prestazioni in game sono state massimizzate, so esattamente quali tempi di reazione ho durante uno scontro e so che posso fare affidamento su Wooting 60HE nel far sì che questi vengano rispettati. I miei avversari vengono prima distrutti dal mio movement, impeccabile solo grazie a questa tastiera, e poi fraggati di sorpresa.

Mi sento sicuro di me, e su COD Modern Warfare 2 e sullala beta di MWIII non ho alcuna paura a buttarmi in mezzo alla mischia, nemmeno campers e mine mi spaventano più proprio perché i miei tempi di reazione sono massimizzati con Wooting.

Non tempo più lo scontro con chi è più forte di me né quando attacco team interi, perché grazie alla precisione della tastiera, riesco a fare i miei trick in tutta sicurezza, e so esattamente che l’azione verrà eseguita e interrotta quando voglio io.

Ho la certezza di avere tra le mani una periferica che è proprio un game changer, e un punto di riferimento per gli altri brand. Molti brand stanno copiando Wooting, ed alcuni si avvicinano alle sue prestazioni, ma nessuno ancora ha creato un software completo e infallibile come Wootility.

Ho personalizzato i tasti WASD per la massima velocità con la minima distanza per il punto di attuazione, e di conseguenza ho aumentato al massimo la sensibilità di reset del Rapid Trigger.

Questo vuol dire che un nemico non potrà più prevedere in anticipo il tuo movimento, perché la sua previsione si basa spesso sul movimento medio dei player, così che si troverà spiazzato sparando a vuoto. Le mie partite sono migliorate e di conseguenza anche il mio divertimento. Addio frustrazione.

Conclusioni

Wooting 60HE

Wooting 60HE è una tastiera gaming incredibile! Switch magnetici Lekker, tempo di risposta incredibilmente rapido, funzioni avanzate e controllo totale sui tasti!

Valutazione dell'editor
4.9

Pro

  • Switch magnetici spettacolari
  • Tempo di risposta velocissimo
  • Tasti personalizzabili
  • Funzioni avanzate
  • Software ottimo
  • Contro

Contro

  • Prezzo
  • Non è wireless

Non ti sto dicendo che da giocatore medio puoi diventare un giocatore pro con Wooting 60HE, ma questa tastiera cambiera sicuramente i tuoi risultati migliorando le tue performance. Sarai più sicuro di te e non indugerai sull’azione in campo. Le tue scelte in partita si basano quasi sempre sulla sicurezza che hai su di te e sulle tue periferiche.

Mediamente spendiamo oltre €100 euro per un mouse e oltre €200 per un pad, il prezzo di Wooting non ti deve spaventare anche se si attesta tra queste due cifre. Se la vuoi comprare, purtroppo non la trovi su Amazon ma devi passare dal sito ufficiale Wooting. Non è che sia un problema ma ci sono semplicemente dei tempi di consegna più lunghi.

Ti toglierai finalmente quella frustrazione di un’azione errata per colpa di un click fatto in un momento sbagliato. Una tastiera dalla qualità e dalle prestazioni imbattute, un software completo e ricco di funzioni. Wooting 60HE al momento è la perfezione.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto