Quale MacBook comprare nel 2022: meglio Pro o Air?

Quale MacBook comprare nel 2021

I notebook della mela stanno conquistando una sempre maggiore fetta di mercato perché sono dei pc potenti, sicuri e versatili, in grado di soddisfare le attese anche dei più esigenti. Se stai valutando l’acquisto di uno dei portatili di Cupertino, ma non sai esattamente quale scegliere, sei nel posto giusto: in questo articolo vedremo quale MacBook comprare nel 2022 e perché.

Ti mostrerò un’analisi completa di ogni modello così da aiutarti a capire quale ti conviene prendere per le tue necessità.

Perfetti per la scuola, sono ideali anche per il lavoro: i Mac sono costosi, è vero, ma si tratta di notebook con delle caratteristiche incredibili che pochi altri portatili possono vantare.

Nonostante ci siano solo 2 modelli ufficiali (ma 3 ufficiosi), il Pro e l’Air, non è sempre facile scegliere e capire qual è meglio prendere, perché ci sono tanti fattori da tenere in considerazione.

Trattandosi di una spesa importante, è giusto spendere un po’ di tempo a guardare nel dettaglio ogni modello e prendere una decisione in base a quello di cui si ha bisogno. Se non vuoi fare una scelta alla cieca, allora prenditi qualche minuto per leggere l’articolo: andremo ad analizzare i pregi e difetti di ogni MacBook attualmente in commercio, come anche delle diverse configurazioni disponibili. Sicuramente troverai tanti spunti utili.

Tutti i MacBook a confronto: guida all’acquisto

MacBook a confronto

I portatili Apple, infatti, sono dei gioielli di tecnologia che combinano un design unico a tecnologia avanzata in grado di fornire prestazioni a dir poco eccezionali, facilità d’uso e soprattutto una sicurezza altissima che nessun pc Windows può offrirti.

Dopo che il MacBook è stato rimosso dallo store di Apple, in commercio sono rimasti solo l’Air e il Pro. Il primo in un’unica versione con il nuovo chip M1, mentre il Pro è disponibile nelle versioni da 13” sia con processori M1 che Intel e da 16 pollici, con solo con Intel.

Tra i modelli attualmente in vendita ci sono grandi differenze e la scelta non è poi così immediata. Noi li abbiamo messi a confronto in modo da evidenziare pregi e difetti di ciascuno e capire se ce n’è uno che offra un rapporto qualità prezzo migliore. Senza perdere altro tempo, vediamo i risultati dei nostri test.

Ecco quale MacBook conviene veramente comprare nel 2022:

MacBook Pro 14: la scelta migliore per i professionisti

MacBook Pro 14"

È finalmente arrivato il nuovo portatile di casa Apple, anzi ne sono arrivati due. Il nuovo Pro è veramente un gioiello di tecnologia sotto numerosi aspetti e, in particolare, quello da 14 pollici salta subito in testa alla classifica di quale MacBook conviene comprare.

Questa volta, il salto di prestazioni è notevole, rispetto ai modelli passati, a portare grande stupore non sono le performance, bensì la gran miriade di cambiamenti che Apple ha fatto su questo computer.

Partiamo, comunque dai nuovi processori disponibili, ovvero il chip M1Pro e M1 Max capaci di performance rivoluzionarie mai viste prima su un portatile e il tutto, risparmiando notevolmente batteria e assicurandoti una lunga autonomia. Ottimo chip, ma è normale avere un processore più potente, quindi passiamo alle vere novità, molte delle quali inaspettate.

Partiamo con il design completamente rivoluzionato lo si nota subito da fuori con la forma molto diversa e la grande disponibilità di porte diverse, oltre alle USB-C. Torna anche la MagSafe per caricare il portatile e non preoccuparsi di farlo cadere se qualcuno inciampa sul cavo. Aprendolo, però, la sorpresa continua prima display che ora cresce di un pollice nel modello base, senza però aumentare le dimensioni visibilmente e poi con la tastiera. I nuovi MacBook pro perdono la touchbar e torna una tastiera con tutti i pulsanti.

Torniamo un’attimo a parlare dello schermo che è incredibile: un pannello Liquid Retina XDR con colori, contrasti e luminosità mai viste su un portatile. Grazie alla tecnologia ProMotion si ha anche una frequenza di aggiornamento di 120Hz per una fluidità unica.

Tutti questi migliroamenti, però, hanno un costo: il prezzo di partenza del nuovo MacBook Pro parte da ben 2349€. C’è da dire però, che li vale tutti visto che si tratta di un portatile veramente professionale.

Offerta
MacBook Pro 14” Grigio siderale
DIsplay Liquid Retina XDR da 14” | Chip M1 Pro con CPU 14-core e GPU 8-core | Archiviazione: 512GB | 16 GB RAM | 3 porte USB Type-C, HDMI, Slot SDXC | MagSafe 3 | TouchID

MacBook Air M1 – il portatile Apple da comprare nel 2022

MacBook Air M1

Tra tutti i notebook della casa di Cupertino questo è decisamente la scelta migliore, almeno all’inizio di quest’anno e finché non viene aggiornata la gamma dei Pro. Il MacBook Air uscito da pochi mesi con i nuovi processori M1 è semplicemente spettacolare, sotto ogni aspetto ed è un connubio unico tra potenza, qualità, design ad un prezzo abbordabile.

Nonostante sia il portatile ultraleggero e più economico di casa Apple il nuovo Air è veramente un gioiello di tecnologia che vale ogni centesimo anzi, persino più di quello che costa. Sì, è davvero strano dire una cosa del genere per un dispositivo della mela, ma è così e ti spiego il perché.

L’anno scorso sull’Air è stato aggiunto il Retina Display che è lo stesso usato sui Pro, con la piccola differenza che la luminosità arriva solo a 400 nits, che ti assicuro è tantissimo e si vede bene anche nelle giornate più soleggiate. Insieme a questo schermo strepitoso è arrivato anche il TouchID, un altro extra che era sempre e solo un’esclusiva dei modelli professionali. Una volta aperti i due notebook sono diventati pressoché identici. È vero che non si ha la TouchBar, ma serve veramente a qualcosa? Dopo 4 anni mi sono reso conto che ne posso fare benissimo a meno, anzi, spesso mi mancano i tasti funzione!

Al tutto va fatto notare che l’innovativo design senza ventola del MacBook Air che lo rende il portatile più silenzioso al mondo!

In pratica per una spesa minore – ben 320€ in meno se paragoni i modelli base – si ottiene un notebook che è pressoché identico sotto tanti aspetti. Si possono benissimo spendere per avere il doppio della memoria di archiviazione.

Offerta
MacBook Air M1 Argento
Retina display da 13” | Cpu: Chip M1 a 8-Core | Archiviazione: 512GB | 8 GB RAM | Scheda video: GPU a 7-core integrata | 2 porte USB Type-C | Fino a 17 ore di autonomia | Design senza ventola | TouchID

MacBook Air o Pro: quale scegliere?

È stato questo il mio dilemma per un bel po’ in questo inizio 2022, ma dopo diverse analisi di pro e contro, ho optato per l’Air e sono veramente soddisfatto. Incredibile come in un pc così sottile e leggero ci possa stare così tanta potenza e, soprattutto un’autonomia talmente lunga che mi dura fino a 3 giorni di lavoro con 1 sola carica! Proprio da possessore prima dei modelli Pro e ora dell’Air ti consiglio questo notebook perché è quello che più conviene attualmente tra i vari Apple.

MacBook Pro 16” – il miglior portatile Apple in assoluto

MacBook Pro da 16 Pollici

Tutti i cambiamenti che avevamo visto per il 14” restano validi anche per questo modello, compreso l’arrivo dei nuovi processori M1 Pro e M1 Max. Anche qui, infatti, ci sono la nuova Magic Keyboard, TouchID e connettività migliorata con le porte HDMI, MagSafe 3 e slot SDXC. Lo stesso vale per il display che è Liquid Retina XDR in grado di portare l’esperienza visiva a nuovi livelli.

La potenza del processore, però, è stupefaciente ed è adatto a una clientela professionale che esige prestazioni altissime come non mai. La CPU, infatti, può arrivare a 10- Core, mentre la GPU persino a 32 e non manca il Neural Engine a 16 core che ti permettono di gestire con facilità progetti ambiziosi ed immensi come quelli di Cinema 4D o montare fino a 7 stream di video ProRes a 8K in Final Cut Pro.

Una delle peculiarità dei nuovi MacBook Pro è che, a differenza di ogni altro pc, le prestazioni quasi non calano quando l’alimentazione è a batteria. Insomma puoi lavorare al massimo, ovunque ti trovi, anche se non hai una presa della corrente vicina. In più grazie al nuovo design che prevede dei peidin sotto il MacBook e un sistema di ventilazione rinnovato, passa il 50% di aria in più anche quendo le ventole girano a bassa velocità. Questo vuol dire che scalda poco ed è super silenzioso anche quando si carica notevolmente l’hardware.

Offerta
Nuovo Apple MacBook Pro 16 2021
DIsplay Liquid Retina XDR da 16” con ProMotion | Chip M1 Pro con CPU 10-core e GPU 26-core | Archiviazione: 512GB | 16 GB RAM | 3 porte USB Type-C, HDMI, Slot SDXC | MagSafe 3 | TouchID

MacBook Pro M1 – il notebook professionale da non comprare

MacBook Pro M1

Se infatti mettiamo il MacBook Pro e l’Air, entrambi con la CPU M1 a confronto, si vede come le caratteristiche tecniche principali siano quasi identiche. Processore a parte, entrambi i modelli hanno la stessa RAM, ovvero 8GB e la stessa memoria di archiviazione, 256GB o 512GB. Sulla carta, l’unica cosa migliore del hardware sono batteria e GPU che guadagna 1 core in più rispetto all’Air.

I vantaggi del MacBook Pro si vedono soprattutto nella luminosità del display che è di ben 500 nits e permette di vedere anche quando hai il sole contro e nella batteria che ha una durata davvero incredibile, di ben 20 ore. Come Apple abbia raggiunto questi numeri, resta ancora ignoto e io lo reputo pura magia.

Poi non bisogna dimenticarsi della touch bar, ma è così utile? E soprattutto queste tre piccole differenze valgono la bellezza di 320€ in più. Se lo chiedi a me, al 99% la risposta è no, ma c’è ovviamente per chi le 3 ore di autonomia in più e la TouchBar sono dettagli vitali o quasi.

Voglio ribadire che non è in ultima posizione perché non si tratta di un buon modello, ma perché semplicemente la differenza di prezzo con l’Air non è assolutamente giustificata e le prestazioni sono troppo simili per spendere così tanto in più. Se ti interessa scoprire quanto simili, puoi trovare qui un confronto dettagliato tra i due modelli.

Offerta
Apple MacBook Pro 13” con chip M1 - argento
Didsplay Retina da 13” | Processore: Apple M1 a 8-Core | Archiviazione: 256GB | 8 GB RAM | GPU a 8-core integrata | 2 porte USB Type-C | Neural Engine 16‐core | Autonomia fino a 20 ore | Magic Keyboard con TouchBar e TouchID

Perché acquistare un portatile Apple

Per quanto si possa odiare o amare Apple, bisogna ammettere che avere un MacBook ha tantissimi vantaggi rispetto a un pc Windows e sempre meno svantaggi. È palese quanto MacOS sia più sicuro del sistema operativo di Microsoft e, oggi più che mai, la sicurezza informatica e tutela dei propri è importante.

Ma il primo vantaggi tra tutti è l’incredibile scelta di programmi essenziali per un uso quotidiano, per studio e persino per lavoro, che sui Mac sono completamente gratuiti, mentre su Windows si devono spesso pagare o quelli gratuiti non offrono abbastanza funzioni. Chi ha avuto modo di usare entrambi i prodotti, si sarà reso conto della grande differenza e comodità dei MacBook, sotto questo punto di vista.

A questo si vanno ad aggiungere anche tanti altri vantaggi come una miglior qualità costruttiva, autonomia, design, trasportabilità, schermo e altro ancora che continuano ad ingrandire il gap tra i vari notebook.

La scelta giusta per la scuola

Apple per studenti

Nonostante il prezzo iniziale sia più alto di un notebook microsoft o chromebook, specie se paragonato ad un modello economico, il MacBook arriva con tanti programmi di livello professionale completamente gratuiti.

Non solo: chi va all’università ed in particolare usa software CAD, sa bene quanto la potenza del MacBook e che programmi come AutoCad girano decisamente meglio. Potenza e autonomia sono sempre stati un punto forte di questi computer.

Se sei uno studente sappi che Apple offre un prezzo scontato per chi va a scuola o all’università nel suo store educational e in più  lancia ottime offerte con il programma Back to School. Se si ha la pazienza di aspettare il periodo giusto – di solito settembre – si può risparmiare anche oltre 100€.

La workstation perfetta per i professionisti

MacBook Workstation

Se l’Air ha da sempre strizzato l’occhio agli studenti, i modelli Pro sono sempre stati pensati per professionisti ed in particolare i creatori di contenuti multimediali, designer, programmatori e progettisti. Non a caso sono tra le workstation portatili più scelte da questa categoria di utenti e non solo.

Apple è sempre stata famosa per dare la possibilità ai propri utenti di sfogare la propria creatività e applicazioni come Photoshop per le foto e disegno oppure iMovie per i video sono sempre girati al meglio sui MacBook, perché ottimizzati per questi portatili.

Dall’altra parte Mac sono scelti anche programmi come Autocad che richiedono tantissime risorse da disegnatori tecnici e progettisti perché in grado di fornire tutte le prestazioni necessarie a realizzare progetti immensi, senza paura di continui errori e problemi tipici dei pc Windows, soprattutto nelle sue vecchie versioni.

A questi si aggiungono il pacchetto per l’ufficio che è completamente gratuito e non solo permette di creare facilmente fogli di lavoro e scrivere documenti o interi libri, ma rende la collaborazione in tempo reale su uno stesso documento più facile che mai.

Perché non comprare un pc Apple

Nonostante le tante parole buone sui MacBook, non sono sempre la scelta migliore, specie per chi lavora. Sebbene il sistema operativo sia sempre più diffuso, ci sono ancora tanti programmi che non sono compatibili con il MacOS e l’unico modo per usarli è avere un PC Windows.

In più sono ancora tante le aziende che usano i programmi Microsoft, anche per il semplice pacchetto office: la compatibilità con Apple, nonostante sia migliorata negli anni, non è sempre buona.

Se stai pensando di comprare un Mac e installarci Windows sopra te lo sconsiglio perché è una soluzione che si rivela costosa, se si fa tutto legalmente e non con programmi craccati.

Un Mac per giocare? Non scherziamo

Giocare su Mac

Spendi oltre 1000€ per un portatile e non ci puoi far nemmeno girare dei giochi come si deve!

Se stai pensando di comprarti un MacBook e ti chiedi quale sia il migliore per giocare, la risposta è semplice: nessuno!

I portatili della mela sono famosi per non avere tanti giochi e, nonostante la scelta sia abbastanza cresciuta negli ultimi anni, resta comunque limitatissima. Tra i più famosi ci sono Fortnite e World of Warcraft, come anche numerosi giochi di Steam – tra cui anche Dota 2 -, ma i titoli tanto amati come GTA 5, CyberPunk e tanti altri non sono disponibili su Mac.

È sicuramente un grande peccato perché per quello che lo si paga, non poter giocare è un grosso limite per molti utenti.

La migliore alternativa al Mac

Se in passato trovare un notebook così potete e così portatile era praticamente impossibile oggi la concorrenza ha alzato di molto il livello e delle valide alternative al MacBook ci sono.

Ci sono sia modelli economici che non sono affatto male, che pc professionali con caratteristiche in grado di sorprendere anche i più scettici.

Quello che, in particolare, trovo il più appetitoso e serio rivale è il ThinkPad Carbon X1 che è a dir poco spettacolare. Il marchio è veramente famoso e la qualità di questi notebook è paragonabile a quella di Apple. La serie Carbon, in particolare, ha un fantastico mix di potenza e leggerezza che è persino superiore a quelli dei Mac.

Comprare un MacBook ricondizionato conviene?

acquistare macbook ricondizionato conviene?

Abbiamo visto tanti motivi che giustificano la scelta di un notebook di Apple. Dalla migliore protezione contro i virus ai tanti programmi gratuiti ottimi per scuola e lavoro, dalle alte prestazioni elevate alle ridotte dimensioni e super compattezza. C’è però una grande nota dolente a tutto questo ed è il prezzo.

Il MacBook più economico in assoluto che si può comprare è l’Air che parte da 1159€ e, anche se lo si trova con qualche sconto, specie se lo si acquista da studenti, resta comunque un prezzo decisamente troppo alto per tanti.

Un’ottima variante per risparmiare sul MacBook è quella di acquistarlo ricondizionato. Si tratta di un prodotto usato, ma rimesso a nuovo dagli esperti e venduto con un prezzo nettamente inferiore a quello di listino. Oggi ci sono molte aziende che sono specializzate nella “rigenerazione dei Mac” tra cui Amazon Renew oppure Refurbed.

È vero che si tratta di modelli degli anni passati, ma questi computer sono fatti per durare una vita e se non si hanno particolari esigenze di performance da top di gamma, un portatile rigenerato è una scelta decisamente ottima. Tra l’altro arriva pure con almeno un anno di garanzia!

Quale MacBook scegliere e come

Abbiamo messo i vari modelli a confronto e spiegato pregi e difetti di ciascuno, ma cosa bisogna guardare per fare una scelta giusta? Quale MacBook scegliere e non pentirsi dell’acquisto?

Come in ogni PC ci sono degli aspetti tecnici a cui far particolarmente attenzione e, ovviamente, anche il prezzo gioca un ruolo molto importante. Insomma, quando devi comprare il MacBook e non sai quale prendere, ci sono alcuni parametri da mettere a confronto prima di procedere all’acquisto.

Inutile stare a guardare la portabilità perché tra Air e Pro, almeno nella versione da 13 pollici la differenza nelle dimensioni e peso sono ininfluenti, cambia qualcosa solo quando si prende il MacBook più grande con il display da 16 pollici.

Tanti altri aspetti, però, contano moltissimo. Quello che ti consiglio è di fare particolare attenzione a questi 3 punti chiave se vuoi fare una decisione giusta:

Performance

Processori Apple M1 pro e M1 Max

Quando si parla di potenza e prestazioni, di solito ci si riferisce al processore, scheda video e alla memoria RAM. La si può amare, o odiare, ma non si può negare che Apple con i suoi chip M1 ha fatto qualcosa di unico. Le prestazioni dei suoi portatili hanno raggiunto livelli veramente incredibili, già nella fascia più economica, ovvero per l’Air.

Questo vuol dire che anche il MacBook entry level va benissimo per la maggior parte degli utenti, anzi va anche troppo. Se hai bisogno di fare qualche video e modificare qualche foto a livello amatoriale, studiare, lavorare su documenti e persino su programmi di grafica, di potenza ne hai già abbastanza.

Più velocità ti serve quando devi fare rendering o editing complessi che richiedono una GPU potente. In questi casi, il MacBook Pro è quello da comprare, possibilmente con il chip M1 Pro, idealmente con il Max e minimo 16GB di memoria RAM. In questi modelli, infatti, oltre alla velocità maggiore del processore e più core, hai una scheda video che fa semplicemente paura perché arriva a ben 32-core.

Porte e connettività

Da anni il più grande problema dei MacBook è sempre stata l’interfaccia e connessione con altri dispositivi. Chi acquistava questo notebook sapeva già di doversi comprare anche una decina di adattatori da avere sempre con se, nel caso volesse collegarvi un qualunque hardware esterno.

Finalmente, dopo tanti anni, Apple si è resa conto che avere solo USB-C è scomodissimo. Ovviamente non lo hanno presentato come un loro errore nel cercare di imporre il proprio standard e ritorno al passato, ma come una grandissima aggiunta di nuovi connettori tra cui l’HDMI e la SDXC per leggere direttamente sul pc le schede di memoria.

Purtroppo gli unici modelli con così tante nuove porte sono gli ultimi MacBook Pro e gli altri modelli hanno solo 2 o 3 USB-C, ma se ti stai chiedendo quale comprare e sai già di aver bisogno di porte di questo tipo, ti consiglio di valutare l’acquisto dei modelli nuovi che, anche se più cari, ti evitano di spendere anche centinaia di euro in adattatori.

Display

Scegliere il display del MacBook

Lo schermo è importante per un portatile. I portatili Apple si sono sempre contraddistinti dalla massa per dei display a dir poco eccellenti e quelli dei MacBook non fanno eccezione, anzi, superano di gran lunga quelli di ogni altro portatile, o quasi. Già i modelli Air e Pro più vecchi hanno il Retina Display che è spettacolare.

I nuovi MacBook Pro, tuttavia, hanno il Liquid Retina XDR che porta l’esperienza visiva ad un nuovo livello e se si cerca quale comprare in base allo schermo, questi sono la scelta giusta.

Per quanto riguarda le dimensioni poi, ci sono 3 scelte: quello da 13” per l’Air e Pro passati e quelli da 14 e 16” per i nuovi Pro. Se messi a confronto, i nuovi modelli hanno schermi più grandi ma, grazie a bordi più sottili, le dimensioni non sono cresciute rispetto al passato. Insomma, l’upgrade vale veramente la pena dal punto di vista dello schermo.

MacBook: quale comprare?

Partiamo col dire che ciascuno dei portatili della gamma Apple è veramente unico nel suo genere e vale ogni centesimo speso. Belli da vedere e potenti da usare sono una scelta sempre più comune tra chi cerca un prodotto affidabile, sicuro e versatile.

Tuttavia, quale è meglio comprare? Meglio scegliere il MacBook Air o Pro?

Il nuovo Air con Chip M1 è il modello con il miglior rapporto qualità prezzo, e quello più conveniente da prendere. Da possessore di questo incredibile ultra portatile non posso che elogiarlo. La sua potenza è più che sufficiente per programmi professionali, figuriamo ci per un uso domestico o per la scuola, l’autonomia, invece, assurda.

Il vantaggio del Pro da 13” è una GPU leggermente migliore e una potenza maggiore per far girare programmi come Photoshop e Cad, oltre ad avere due USB-C in più. La differenza di prezzo, però, è troppo alta e lo sconsiglierei nella maggior parte dei casi.

Se, infatti, hai bisogno di potenza perché il computer lo usi per lavorare su grafica e software pesanti, allora meglio scegliere i nuovi MacBook Pro da 14 o 16” con i processori M1 Pro e M1 Max che hanno performance incredibili. Il prezzo, in questo caso, è molto più alto, ma ogni notebook da lavoro costa caro, anche quelli di altre marche.

In breve

Il MacBook è davvero un computer spettacolare che è in grado di soddisfare anche le esigenze sia di studenti e universitari che professionisti. Grazie alle sue caratteristiche e qualità alte Apple si sta conquistando una fetta di mercato sempre più grande.

Se poi hai un iPad o iPhone vedrai il grande vantaggio dell’ecosistema Apple e di come puoi lavorare senza interruzioni passando dal telefono al tablet o al computer con enorme facilità. I dispositivi della mela, infatti, comunicano tra di loro in modo impeccabile e ti facilitano la vita in tanti aspetti.

Al tutto si aggiunge la grande sicurezza del MacOS che permette di lavorare con più tranquillità e sapere che i tuoi dati personali e dettagli bancari sono più al sicuro che su Windows. Insomma, se vuoi un portatile ottimo, allora comprando un MacBook vai sul sicuro e spero che questa guida ti sia stata utile per capire quale fa per te.

Ne hai già uno? Dicci come ci trovi o facci sapere i tuoi dubbi.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.