Criptovalute: cosa sono e come usarle

2 Maggio, 2019 Lascia il tuo commento
criptovalute


Le criptovalute (cryptocurrencies) sono delle monete digitali, che sono, come da nome criptate. Sebbene siano completamente virtuali, possono essere utilizzate per acquistare beni e servizi, oppure essere convertite in denaro classico.

L’idea che ha portato alla loro creazione è stata quella di creare un sistema monetario decentralizzato, immune e non influenzabile dal potere degli stati e banche. Tutto questo avviene grazie alle nuove tecnologie, favorite anche dai progressi della crittografia e evoluzione di internet.

Sebbene questo obiettivo sia lungi dall’essere raggiunto, negli anni stanno crescendo moltissimo e il loro utilizzo si sta diffondendo tantissimo, possiamo dire con sicurezza che porteranno un cambiamento radicale nell’economia globale.

Caratteristiche principali di queste monete

Ricapitolando possiamo dire che le caratteristiche principali delle criptovalute sono:

  • Utilizzano un sistema decentralizzato senza una reale base fisica
  • Non sono regolate da enti centrali governative e sono emesse / controllate secondo regole proprie di chi le ha create.
  • Anonimato, uno dei maggiori vantaggi di alcune valute che riescono a garantire la completa privacy dell’utente
  • Sono limitate poiché quando se ne crea una si definisce il numero massimo di unità che potranno essere prodotte
  • Sicurezza di altissimo livello sia per possessori che per transazioni
  • Sono solo online poiché sono monete virtuali e non denaro fisico, ma possono essere convertite in tali, grazie a vari siti e fornitori che lo permettono.
  • Non hanno valore legale in qualsiasi angolo del pianeta e la loro accettazione è del tutto a discrezione dell’utente.
  • Tutti possono creare una criptovaluta
  • Altissima sicurezza, in quanto vengono realizzate all’interno della Blockchain, che ne detiene anche il codice utilizzato per la criptatura. La sicurezza della valuta è garantita dal fatto che questo codice è noto solo all’interno della blockchain. Questo le rende molto sicure, impossibili da hackerare o falsificare

Come acquistarle

Ci sono siti dedicati, chiamati exchange che vi permettono di acquistare e vendere direttamente queste monete virtuali, mantenendo bassissimi i costi delle commissioni. Tra tutti quelli che attualmente ci sono, potete provare i seguenti siti, che hanno tra i ratei più convenienti e sono molto famosi:

  • Coinbase
  • Livecoin
  • Bittrex
  • Kraken
  • Changely
  • Il mining

Le criptovalute si possono ottenere anche tramite il così detto “mining”. Dipende molto dalla valuta, ma in pratica si utilizza la potenza di calcolo del vostro computer (principalmente quelli della CPU e GPU) per minare. Negli anni sono state create anche delle vere e proprie macchine di mining, computer ottimizzati per queste operazioni che permettevano di ottenere più cripovalute in meno tempo e ottimizzare i costi della corrente.

Sebbene all’inizio il mining di bitcoin fosse molto redditizio, la crescente difficolta e richiesta di potenza lo ha reso poco profiquo e sempre più persone stanno passando al trading online.

Dove le tengo?

Non essendo fisiche, non potete tenerle sotto il materasso! Ma nemmeno in banca. Prima di acquistare le criptovalute dovete creare un wallet online dove custodirle. In questo caso avete due possibilità:

  1. Utilizzare il wallet del brocker, trader o exchange da qui acquistate le monete.
  2. Avere un wallet indipendente

Quelli dei broker hanno il vantaggio di essere comodi e permettervi rapidamente di convertire la valuta in soldi reali o altre monete, ma hanno un grosso svantaggio, ovvero la sicurezza.

D’altro canto i wallet esterni sono molto più sicuri, ma anche più scomodi.

Vi consigliamo di usarli entrambi e immagazzinare la maggior parte in quelli esterni, mentre un po’ di liquidità anche negli exchange, per avere sempre qualcosa pronto e non dover fare ulteriori passaggi quando volete investire.

Come usare le cryptocurrencies

Anche se si tratta di monete virtuali, sono da considerarsi come vero e proprio denaro e con esso si possono acquistare beni e servizi o possono essere convertite in Euro e altre valute. Quindi il loro primo utilizzo è quello di una moneta normale.

Sebbene non ci siano ancora molti siti e venditori che accettino questo tipo di moneta, esse sono molto utilizzate per fare pagamenti tra privati o trasferimenti di denaro (sempre tra privati).

Un secondo utilizzo, sempre più diffuso, è il trading. Essendo le criptovalute molto volatili, rappresentano un asset per gli investitori che può portare incredibili guadagni in pochissimo tempo. D’altro lato il rischio è anche molto alto. Si tratta di una pratica identica al classico forex con azioni, materie prime, oro, software etc. Per il trading vi dovete affidare a siti e enti specializzati chiamati “exchange”, che vi permettono la compravendita di bitcoin e altri vari tipi, ma anche di convertirle in denaro reale. Attenzione tuttavia, a quale scegliete: oggi ci sono tanti di questi operatori e alcuni hanno delle tariffe veramente alte. Consultate bene le condizioni di ogni broker online, oppure affidatevi a siti esperti nel settore che li paragonano.

Categoria: ,

Questo articolo è stato scritto da Tiko

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *